Svegliare i sensi, liberare la mente

raccogliere asparagi selvaici 1 raccogliere asparagi selvaici 2 raccogliere asparagi selvaici 3 raccogliere asparagi selvaici 4 raccogliere asparagi selvaici 5 raccogliere asparagi selvaici 6 raccogliere asparagi selvatici orobanche erbe spontanee in cucina

Non c’è bisogno di andare lontano, a volte. Ma serve fidarsi, non avere riserve e vincere quella vocina che continua a ripetere che ci sarebbero tante altre cose più importanti da fare- quella vocina, per me, è una compagna insistente, che devo ricordarmi di zittire spesso, per non cadere nelle sue trappole.

“Andiamo a raccogliere gli asparagi. Vieni anche tu?”

Rifletto per un attimo. Vinco sulla vocina, infilo la macchina fotografica a tracolla e il piccolo nella fascia ed esco. Ci spingiamo poco più in là della porta di casa, in mezzo agli ulivi, dove ogni rumore della strada è attutito e le querce cantano al vento, cantano sempre.

Come sempre, all’inizio il verde degli ulivi si confonde con quello dell’erba e delle piante di asparagina. Poi, con un po’ di pazienza, tutto cambia.

Gli occhi si abituano e imparano a riconoscere le diverse gradazioni di verde; l’udito si rilassa e si abbandona al silenzio, che fa acuire le altre percezioni; le mani imparano e si muovono decise verso i frutti, senza farsi pungere dalle piante; il respiro rallenta e l’odore della terra fa venir voglia di stare ad abbracciare gli alberi, a toccare le foglie.

Non c’è bisogno di andare lontano, a volte. Non c’è bisogno di rinchiudersi in una stanza solitaria a meditare o di fare un viaggio. A volte mi basta saper cogliere un invito, dire quel “Sì” che apre la porta a sensazioni che, altrimenti, mi sarei negata.

 

6
  ti potrebbe interessare

Commenti

  1. Mirtilla  giugno 3, 2014

    Hai proprio ragione Ylenia. Troppe volte rimandiamo un uscita che ci farebbe stare bene perché vogliamo sistemare casa , finire quel lavoretto. .ma se ci pensiamo , queste cose rimangono li , le troveremo esattamente come le avevamo lasciate un paio d ‘ore prima. Ma il “momento ” ..quello no..quello non aspetta e non torna..Impariamo a lasciarci andare e a vivere quei momenti che sono preziosi. Un bacione e buona giornata.

    Ylenia crisalide:
    passa una splendida giornata, Mirtilla! E’ vero, quel che abbiamo da fare lo ritroveremo al nostro ritorno, ma noi saremo più cariche per far tutto, e col sorriso.

  2. auradiluna  giugno 3, 2014

    Quella vocina è simile alla mia, che mi tormenta e mi rovina le cose che sto facendo!
    Io la placo quando riesco a meditare proprio nella stanzetta chiusa, e riuscire a dire “sì” è una grande benedizione!
    un abbraccio

    Ylenia crisalide:
    una vera e propria benedizione, sono d’accordo.
    un abbraccio a te!

  3. Ilenia  giugno 3, 2014

    Ciao Ilenia (anche io mi chiamo così!); mi piace molto il tuo stile nel descrivere le cose, questa delicatezza che hai. Che bello! Anche io come te pratico yoga, ho due bimbe amo la natura e ho un blog che se ti va puoi leggere 🙂 ne sarei felice! Ileniasandigliano.wordpress.com
    Ciao! Buon pomeriggio:-)

    Ylenia crisalide:
    grazie di avermi scritto e di esserti fatta conoscere. Verrò presto a incontrare il tuo blog!

  4. Simona  giugno 3, 2014

    E’ bellissimo il nuovo sito!

    Ylenia crisalide:
    grazie! benvenuta!

  5. Francesca  giugno 3, 2014

    Mi ritrovo moltissimo nelle tue parole. Le sperimento quotidianamente su me stessa. 😀 Ora mi rilasserò sbirciando questo gioiello di sito che hai creato 😀 Grazie

  6. Chandana  giugno 3, 2014

    Vengo a trovarti anche qui, mi lascio cullare dalle tue parole. Un abbraccio, donna luminosa.

    Ylenia crisalide:
    Dolce Chandana, che bello leggere del tuo passaggio. Passa una splendida giornata.

Aggiungi un commento